ADT SU YOUTUBEADT SU TWITTER Amici della Terra Irpinia ADT SU FACEBOOK ADT SU VIMEO ADT RSS ADT su FLICKR

“LANDSCAPE & RENEWABLES”. Scambio interculturale a Bisaccia

Inserito da: Amici della Terra Irpinia data 18 agosto 2012 AGGIUNGI COMMENTO

banner  bisaccia“PAESAGGIO ED ENERGIE RINNOVABILI" – Bisaccia 4 -14 settembre 2012 

(preleva : scheda di presentazione scheda di partecipazionescheda di adesione al gruppo organizzativo)

 

Nell’ ambito del programma :Youth in Action. Gioventù in Azione, promosso dalla Comunità Europea per tramite dell’Agenzia Nazionale Giovani Italia, Amici della Terra Irpinia si è fatta promotore di uno scambio culturale , finalizzato a rendere effettive le politiche di integrazione culturale tra i diversi contesti nazionali europei.

Nel solco del modus operandi del club irpino, il progetto “Landscape & Renewables” è promosso in coerenza ed in continuità con le politiche che il club ha attivato da oltre tre anni. La valorizzazione del territorio nelle sue eccezioni più vaste (economiche, artistiche, paesaggistiche, tradizionale e culturali ) ed il coinvolgimento e la partecipazione attiva di tutti gli attori locali, pubblici e privati, nelle attività di diffusione di tale contesto, in un ambito che va oltre quello locale, è il filo rosso che lega le azioni di sensibilizzazione e di coinvolgimento e di informazione circa i temi di politica ambientale.

“Landscape & Renewables” si propone di affrontare il problema della disponibilità ed esauribilità delle risorse energetiche attraverso l’uso di fonti rinnovabili, senza sottovalutare l’impatto e i limiti dettati dal contesto territoriale e ambientale, confrontando realtà diverse. L’obiettivo è quello innanzitutto di invitare i giovani ad interessarsi e a riflettere su temi di rilevanza europea come la crisi energetica, che rientra tra le sfide ambientali globali, nell’ottica dello sviluppo sostenibile e rispetto dell’ambiente. Dare poi loro la possibilità di confrontare tutte le proprie conoscenze attraverso una partecipazione attiva al progetto: scambiando informazioni, diffondendo pratiche ed esempi tipici di ciascun Paese, mettendo a confronto le varie realtà territoriali.

Il progetto prevede attività che coinvolgano i 25 giovani partecipanti preferibilmente dai 22 ai 25 anni e fino a 30 anni, provenienti da Spagna, Portogallo e Polonia ,sia per promuovere una maggiore conoscenza ed interazione multiculturale che per diffondere conoscenze e informazioni sull’argomento in questione.

Al termine delle attività i partecipanti, suddivisi per gruppi, produrranno dei materiali come un video-spot, un percorso fotografico di interpretazione del paesaggio, dispense di sintesi esplicative della tematica trattata.
Attraverso attività di conoscenza, ludiche, giochi di gruppo, attività all’aperto e di partecipazione sociale; ed Inoltre tavole rotonde, laboratori di ricerche e una visita guidata presso il parco eolico di Bisaccia, sull’altopiano del Formicoso e laboratori creativi per la realizzazione finale dei materiali, per dieci giorni dal 4 al 14 settembre, l’Irpinia d’Oriente, sarà territorio di studio ed analisi.

Bisaccia con il suo albergo diffuso ed il suo Castello Ducale ospiteranno i giovani europei , che resteranno – ne siamo certi – sorpresi ed incantati dalla ospitalità e dai sapori irpini e dalle bellezze paesaggistiche .


Per ulteriori e specifiche informazioni preleva scheda di presentazione.

Per partecipare preleva la scheda di preadesione  e reinviala

Per supportare l'organizzazione preleva la scheda e reinviala


SU FACEBOOK : LANDSCAPE & RENEWABLES


Coordinatrice dell’attività dott.sa Mirella de Benedictis

info@amicidellaterrairpinia.it

Preleva la locandina come promemoria

MANIFESTO BISACCIA

Incubo senza fine

Inserito da: admin data 19 gennaio 2011 AGGIUNGI COMMENTO

 

montagne_balle 

Rifiuti campani, incubo senza fine. L'ennesima reprimenda della commissione europea.

A Strasburgo il 18 gennaio 2011, a seguito delle interrogazioni orali presentate da eurodeputati, la Commissione Europea in seduta plenaria si è confrantata sulla crisi dei rifiuti in Campania e ha esplicitato tramite  il Commissario Potocnik la sua posizione su quanto fatto finora dall’Italia per uscire dalla procedura di infrazione e per evitare la condanna a sanzioni pecuniarie a seguito della sentenza della Corte di Giustizia del marzo 2010.  Il Commissario ha segnalato che c’è “molto da fare per ottemperare alla sentenza della Corte” e ha proposto un elenco di priorità incoraggiante:ampliare e migliorare le strutture di gestione dei rifiuti tenendo presente la gerarchizzazione dei rifiuti (e quindi ponendo l’incenerimento come opzione ultima e residuale),dare “priorità alla riduzione dei rifiuti, al riutilizzo e al riciclo”, “garantire la differenziata su tutto il territorio regionale” e “offrire alla Campania le capacità di compostaggio”. Inoltre “le autorità italiane dovranno svolgere un’analisi delle eco balle prima di decidere come e dove  smaltirle”.

Inoltre, in regioni di alto pregio antropico e paesaggistico come la Campania , decidere di smaltire i Rifiuti in un parco naturalistico non rappresenta una violazione di per sé del diritto comunitario; cioè è possibile smaltire rifiuti in aree protette , a patto che si attuino misure di compensazione e mitigazione così come derivanti da una corretta valutazione di impatto ambientale.

Il Commissario ha precisato che se non ci sarà un piano dei rifiuti adeguato la Commissione chiederà sanzioni pecuniarie per l’Italia e che la Commissione non è soddisfatta delle misure che le autorità hanno comunicato dal marzo 2010 ad oggi.

Il Piano di Smaltimento dei Rifiuti Campano, è ancora scadente perché non indica tempi e cronopragramma di attuazione , ed invece deve essere un’opportunità per le autorità competenti italiane per la Campania. Il  Piano è convincente  ed adeguato solo se è  corroborato da infrastrutture adeguate .

Inoltre il Commissario mostra il suo disappunto verso  il Governo italiano e quello regionale e segnala che il piano gli è “appena” (lo precisa due volte!) stato inviato. Significativa la chiusa del discorso di Potocnik quando presentando il  “Rapporto sull’attuazione della strategia tematica per la prevenzione ed il riciclaggio dei rifiuti” pubblicato il 19 gennaio 2010, evidenzia le  sensibili differenze tra i diversi stati membri – ma  detto Rapporto dimostra come “con una strategia adeguata le discariche possono essere gradualmente ridotte o eliminate e lo stesso incenerimento può essere eliminato aumentando il riciclaggio e il compostaggio, garantendo la trasformazione dei rifiuti in risore, creando anche attività economica e occupazione e riducendo l’impatto ambientale dello smaltimento dei rifiuti”.

 

In conclusione, nelle parole precise e incontrovertibili del Commissario Europeo vengono evidenziate le seguenti incapacità delle autorità italiane , regionali innanzitutto:

– incapacità nel determinare le infrastrutture,  i siti ed i luoghi  per gli impianti della più complessiva strategia di smaltimento dei rifiuti;

– incapacità di spendere  con sagacia i fondi comunitari, al fine di prevedere un ciclo integrato dei rifiuti che ne rispetti la gerarchizzazione del trattamento attraverso riduzione, riciclo e riutilizzo;

– incapacità di rifondare le strutture ed il relativo personale preposti alla intera gestione del ciclo dei rifiuti;

– incapacità di applicare strategie comunicative prioritarie alla applicazione su larga scala in area metropolitana della raccolta differenziata;

– incapacità di governare il cosiddetto effetto nymby (non nel mio giardino) delle popolazioni locali;

– incapacità di dimostrare opportunamente con corrette  valutazioni ambientali la possibilità di allocare anche in aree protette ad alto interesse naturalistico impianti per lo smaltimento dei rifiuti attraverso la previsione di corrette misure di compensazione e mitigazione. (L.B.)

 

In allegato il link per ascoltare l’intervento di Potocnik. ( Inizia al minuto 3,30)

 

http://www.youtube.com/watch?v=QC_mWAMAvKQ&feature=player_embedded

damedia new media agency

Amicidellaterrairpinia.it non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.
Gli autori dei post dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post stessi; eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilita' di persone terze non sono da attribuirsi agli autori.
Alcune delle immagini presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattare gli autori per chiederne la rimozione.