ADT SU YOUTUBEADT SU TWITTER Amici della Terra Irpinia ADT SU FACEBOOK ADT SU VIMEO ADT RSS ADT su FLICKR

logo progetto sic RGB“Tra i Sic i corridoi ecologici”
Le connessioni del paesaggio nelle discontinuità antropiche

Un’azione coordinata ed integrata di proposta scientifica, culturale e di educazione ambientale per la valorizzazione dell’aree protette della Rete Natura 2000 in Irpinia

 

 

Ufita_a_melitovecchio

IL WORKSHOP

E' in corso una significativa attività  ideata e promossa da Amici della Terra Club dell’Irpinia /Onlus*,  per la realizzazione di un progetto a valere sul PSR 2007-2013 Misura 323 “Sviluppo, tutela e riqualificazione del patrimonio rurale” Tip.a. , la cui tipologia esecutiva comprende iniziative di sensibilizzazione ambientale miranti alla diffusione ed alla condivisione delle esigenze di tutela della aree natura 2000 e dei siti di grande pregio naturale. Il progetto, che ha per titolo: “Tra i SIC i corridoi ecologici. I corridoi fluviali irpini. Le connessioni del paesaggio nelle discontinuità antropiche”; tale progetto fa parte di un integrato programma di azioni di sensibilizzazione, promozione e workshop scientifici che riguarda l’intera Rete dei Corridoi ecologici fluviali irpini, come definiti ed individuati nel Piano Territoriale Regionale vigente.

Il progetto è finalizzato a condividere un modello originale di sviluppo sostenibile per il territorio provinciale, considerando le emergenze ambientali e paesaggistiche quali le aree SIC, ZPS, parchi regionali, corridoi ecologici, etc.


La possibilità di creare opportunità economiche ed occupazionali nella gestione e nell’uso di tali entità territoriali, è l’obiettivo che questo progetto si pone.

Quanto sinteticamente descritto troverà ampia possibilità di approfondimento nei workshop condotti da esperti sia accademici che professionisti e cultori della materia, insieme ai portatori di interesse individuati sul territorio (associazioni, enti, istituzioni, tecnici, singoli cultori, cittadini).


Attenzione il workshop previsto per il 22 e 23 settembre è stato posticipato a mercoledì 5 ottobre e giovedì 6 ottobre.

 

Monitoraggio della biodiversità e continuità ecosistemica 

Mercoledì  I sessione 09,30-13,30 II sessione 15,30-17,00
Giovedì  III sessione 09,30-14,00

Bisaccia
Castello ducale – Corso Romuleo

prof.Gabriele De Filippo (Biologia Animale – Università di Salerno) / dott. Sabatino Troisi (Responsabile veterinario centro recupero rapaci Parco Picentini)

 Il monitoraggio della flora e della fauna
 Il riconoscimento delle presenze faunistiche
 Il rapposto con gli indicatori di qualità dell acque
 Il deflusso minimo vitale ed il più ampio contesto geografico


PROGRAMMA GENERALE  WORKSHOP_SVOLG


SCARICA QUI : PROGRAMMA + SCHEDA DI ADESIONE  (300 KB)

(Ogni Ente, associazione, istituzione, organizzazione, singolo cittadino potrà partecipare a tutte le date dei workshop o anche ad una sola o anche a più di una a scelta, attraverso max 2 rappresentanti.TALI SCHEDE POTRANNO ESSERE INVIATE A MEZZO FAX ALLO 0825248754, O CONSEGNATE LA MATTINATA DI INIZIO DEL WORKSHOP PREVIA REGISTRAZIONE SUL SITO WEB : AMICIDELLATERRAIRPINIA.IT )

 Vai al format di registrazione di partecipazione ai workshop

 

SCARICA QUI : PRESENTAZIONE E MATERIALI DI BASE  (5500 KB)

(Scheda illustrativa, finalità, attori coinvolti, tematiche, relatori, indice degli argomenti generali, cartografie di base)

 

Clicca qui per vedere il trailer di presentazione.


 

 

 

 

 

 

lago san pietro2

PER APPROFONDIRE

L'idea
In estrema sintesi l’idea originale di sviluppo sostenibile per l’Irpinia – che potrà rendere esaustiva prendendo visione dei materiali allegati – prende vita a partire dai corridoi ecologici composti dalle aste fluviali quali il Calore, l’Ofanto, il Sabato, l’Ufita/T. Sarda e il Fiumarella/Calaggio. Tali corridoi ecologici collegano le Aree naturalistiche della Rete Natura 2000 e i siti di grande pregio paesaggistico con una elevata complessità ecosistemica.


A partire da queste “emergenze” naturalistiche, non sempre in buona salute, prende vita l’idea di sviluppo che coniuga l’aspetto naturalistico paesaggistico con quello economico, mettendo a sistema la fruizione dei corridoi insieme alle realtà economiche che intorno a loro si sviluppano. Tali realtà economiche sono quelle tradizionali, quali l’agricoltura, l’artigianato, il turismo ambientale e dei borghi, etc. e quelle innovative quali: la land art, lo sport e la salute, l’architettura del paesaggio, la descrizione e rappresentazione della risorsa naturale, etc.

L’obiettivo è quello di costituire un tessuto connettivo che restituisca nuova identità al territorio che, dal terremoto del 1980 in poi, si è andata progressivamente depauperando.

La finalità quindi è realizzare un sistema di relazioni economiche territoriali intorno alla fruizione dei corridoi ecologici e delle attività ad essi collegate capaci di aumentare il PIL provinciale, andando anche oltre tale indicatore puramente economicista attraverso la valutazione di altri indicatori, includenti tutte le dimensioni dello sviluppo sostenibile (culturali, sociali, ambientali, umane).

Tale progetto di ricerca e di studio trova possibilità concreta di realizzazione con l’attivazione da parte del Pubblico e del Privato dei finanziamenti regionali che – in alcune misure – già sono finalizzati alla realizzazione dei corridoi ecologici oltre che di attività multifunzionali in ambito agricolo che affianchino le attività tradizionali dell’agricoltura stessa.
L’idea è ambiziosa ma possibile e fattibile e forse è tra le opportunità che riescono a coniugare l’interesse del singolo con quello della collettività.


Le azioni
L’assunto appena descritto, prenderà sostanza attraverso un’animazione territoriale composta di diverse attività ed azioni svolte sui vari territori e con i vari attori (portatori d’interesse, stakeholders) individuati , che realizzerà in definitiva un’azione coordinata ed integrata di proposta scientifica, culturale e di educazione ambientale per la valorizzazione dell’aree protette della Rete Natura 2000 in Irpinia.


Lo studio che tale progetto restituisce, unisce l’aspetto tecnico naturalistico con quello qualitativo artistico e architettonico della trasformazione del territorio creando dei corridoi ecologici di collegamento tra i vari episodi territoriali di grande valenza ecologica, prima descritti. Le opportunità economiche che si verranno a creare, saranno compatibili ad una fruizione naturalistica dei luoghi.


La land art, insieme all’architettura del paesaggio, saranno gli strumenti di trasformazione originale ed artistica del territorio rispondenti alle esigenze di continuità ecosistemica (corridoio ecologico) ma anche alle esigenze di fruizione di nuovi brani territoriali tematici.


L’economia ambientale informerà le scelte sostenibili per individuare i tematismi come ad esempio quelli per giocare, per fruire il territorio, per fare sport, per passeggiare, per connettere il territorio tra ambiente naturale, campagna e centri urbani, ancora percorsi a piedi in bicicletta a cavallo possono guidare una nuova visione fruitiva del territorio.


La pianificazione urbanistica è lo strumento di trasformazione che individua i metodi, i modi e le economie in gioco. I Piani Comunali e Provinciale, se attenti a queste istanze di sviluppo, potranno essere il percorso direttorio e comportamentale per perseguire in un tempo breve queste ipotesi di sviluppo.


Tra le tante ipotesi ascoltate e tentate in tempi trascorsi, dimostratesi non efficaci a creare sviluppo nelle aree interne della regione, questa potrebbe essere quella possibile per la sua sostenibilità al territorio alle sue vocazioni e peculiarietà, nonchè al legame stretto che si creerà con le condizioni etnoantropologiche, culturali, artistiche, artigianali, storiche ed agricole dell’Irpinia.

IL WORKSHOP
Quanto sinteticamente descritto troverà ampia possibilità di approfondimento nei workshop condotti da esperti sia accademici che professionisti e cultori della materia, insieme ai portatori di interesse individuati sul territorio (associazioni, enti, istituzioni, tecnici).

L’eventuale conoscenza e/o elaborazione, da parte dei stakeholders, di contributi/studi/analisi/ricerche inerenti in particolare gli aspetti eco sistemici, economici, rurali, paesaggistici relativamente ai fiumi e/o alle aree di pregio naturalistico , potranno essere illustrate nell’ambito dei workshop e costituire materiale di supporto allo sviluppo del dibattito.
Il workshop è anche occasione per organizzare l’azione specifica in un luogo simbolo ed identitario dell’ambito territoriale omogeneo dello stesso.

 

TEMATICHE GENERALI , relatori , date e luoghi di svolgimento

Land Art / Arte Ambientale 

Giovedì’ 01/09/2011   I sessione 09,30-13,30  II sessione 15,30-19,00
Venerdì 02/09/2011    III sessione 09,30-14,00

Castelvetere sul Calore
Sala conferenze “Fiorentino Sullo” – Borgo Antico Via Castello

arch. Mario Festa (architetto del paesaggio gruppo +A SUD) 

arch. Marta Bertani (architetto del paesaggio)

 Tematiche e tecniche della land art
 Pattern di land art

 


Progetto del paesaggio ed Architettura nel paesaggio

 

Giovedì’ 08/09/2011 I sessione 09,30-13,30  II sessione 15,30-19,00
Venerdì 09/09/2011 
III sessione 09,30-14,00

Cairano
Sala Carissanum e Chiesa San Leone – Via San Leone

prof. arch. Fabio Di Carlo (Architettura del paesaggio – Università La Sapienza Roma)

prof. arch. Nicola Flora (Allestimento ed eco-design -Università di Camerino)

 Studio dei corridoi ecologici: tecnica e metodo per la realizzazione
 Compatibilità delle attività fruitive con i corridoi ecologici
 Interventi di architettura e design nel territorio compatibili con gli ecosistemi che sottendono i corridoi ecologici

 

 

Economia Ambientale 

Mercoledì 14/09/2011 I sessione 09,30-13,00  II sessione 16,00-19,00
Giovedì 15/09/2011 III sessione 09,30-14,00 

Manocalzati
Castello di San Barbato –Piazza Castello

prof. Giuseppe Marotta ( Economia ed estimo rurale – Università del Sannio- Benevento) 

prof.sa Concetta Nazzaro ( Economia dell’ambiente – Università del Sannio- Benevento) 

 Valore degli interventi nel trasformare il territorio
 Valore della qualità dell’ambiente, delle aree antropizzate ed agricole
 Investimento e produttività dell’investimento
 Aumento del valore dell’attività agricola ed imprenditoriale delle varie attività

 

Monitoraggio della biodiversità e continuità ecosistemica

Giovedì’ 22/09/2011 I sessione 09,30-13,30 II sessione 15,30-19,00
Venerdì 23/09/2011 III sessione 09,30-14,00

Bisaccia
Castello ducale – Corso Romuleo

prof.Gabriele De Filippo (Biologia Animale – Università di Salerno) / dott. Sabatino Troisi (Responsabile veterinario centro recupero rapaci Parco Picentini)

 Il monitoraggio della flora e della fauna
 Il riconoscimento delle presenze faunistiche
 Il rapposto con gli indicatori di qualità dell acque
 Il deflusso minimo vitale ed il più ampio contesto geografico


Reti ecologiche e pianificazione urbanistica. 

Giovedì’ 29/09/2011  I sessione 09,30-13,30    II sessione 15,30-19,00
Venerdì 30/09/2011  III sessione 09,30-14,0
0

Carife
Centro Sociale”G.Zizza” 

Rappresentanti delle strutture tecniche dei Settori Pianificazione del Territorio delle Amministrazioni Provinciali della Campania

0 I Sic ed i piani di gestione.
0 Buone pratiche: ricerche, tesi ed applicazioni, esempi di norma urbanistica

Culture, Educazione, Sostenibilità – Concorso fotografico

    Passavamo sulla terra leggeri: Culture, Educazione, Sostenibilità a cura di Amici della Terra Club dell’Irpinia – Associazione Onlus […]

Concentrare le risorse sul miglioramento dell’efficienza energetica

Basta sprechi. Concentrare le risorse sul miglioramento dell’efficienza energetica, pena il fallimento delle politiche energetiche e climatiche. Gli Amici della […]

Proposte per nuove politiche di efficienza energetica

Roma, Martedì 27 maggio 2014, ore 10-13 Hotel Nazionale – Piazza Montecitorio Il recepimento della direttiva 2012/27, l’emanazione del Piano […]

La ripresa economica vuole Efficienza

Si è svolto a Roma nei giorni 27 e 28 novembre al Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, il Convegno nazionale "La […]

TAG

TOP NEWS

damedia new media agency

Amicidellaterrairpinia.it non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.
Gli autori dei post dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post stessi; eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilita' di persone terze non sono da attribuirsi agli autori.
Alcune delle immagini presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattare gli autori per chiederne la rimozione.