ADT SU YOUTUBEADT SU TWITTER Amici della Terra Irpinia ADT SU FACEBOOK ADT SU VIMEO ADT RSS ADT su FLICKR

della_stes_mater_stel_strisc_2

"DELLA STESSA MATERIA DELLA STELLE" – SARA' MESSO IN SCENA SABATO 18 GIUGNO ORE 20,30 – CASINA DEL PRINCIPE -CORSO UMBERTO I° AVELLINO.

 

Il 5 giugno ricorre il World Environment Day, la Giornata mondiale dedicata dall’ONU all’Ambiente, una ricorrenza che si celebra  dal 1972 quando a Stoccolma, in Svezia, si aprirono i lavori della United Nations Conference on the Human Enviroment , primo di una serie di grandi meeting internazionali incentrati esclusivamente sui problemi ambientali.
E’ una data che, insieme ad alcune altre (la giornata della terra, dell'acqua, del vento), dovrebbe essere segnata sul calendario, accanto al nome dei Santi e senza il timore di apparire blasfemi; del resto sono ricorrenze dedicate alla salvaguardia di questo nostro “unico” pianeta.
La Giornata è l’occasione a livello internazionale per esaltare con iniziative varie, la sensibilizzazione dell’opinione pubblica, dei governi e delle istituzioni ai temi chiave della salvaguardia dell’ambiente, inteso come spazio spazio naturale, habitat umano ed animale, oasi di vita, luogo di sviluppo e benessere.
Un momento di riflessione globale e di spinta all’azione verso la tutela ed il rispetto della Terra che veda lo sforzo congiunto di movimenti capaci di travalicare gli interessi nazionali (e per analogia localismi e campanilismi), operando accordi comuni per un Pianeta naturale che affronta ogni giorno problemi senza confini.

Uno spettacolo di ideazione teatrale, prodotto da Amici della Terra Irpinia, si intitola  dal titolo “Della stessa materia delle stelle” sarà rappresentato alla Casina del Principe di Avellino, nell'ambito della rassegna Lepidoptera, per celebrare la Giornata Mondiale per l'Ambiente.

Sui testi di Lucio Mazza e Luca Battista, Salvatore Mazza del Clan H è un angelo caduto sulla Terra, oltre ogni limite del disastro ecologico. Il rock degli AlbumZootique segnala l’incapacità degli uomini di invertire la rotta che sembra portare all’”Olocausto ambientale” , ma anche una nuova speranza .

Rock e poesia ed agire per lo sviluppo sostenibile .

 Un’angelo caduto sulla Terra la ritrova rispetto i tempi della sua esistenza profondamenta degradata. Un punto di non ritorno. Nessun limite riconoscibile all’azione devastatrice degli uomini . L’angelo si ricorda di quanto aveva letto e studiato “ L'avvenire non è più …… quello che sarebbe potuto essere se gli uomini avessero saputo utilizzare meglio i loro cervelli e le loro opportunità. Ma può ancora essere quello che essi possono ragionevolmente e realisticamente volere. Aurelio Peccei, 1981”


La Casina del Principe di Avellino, ormai da otto settimane , è centro vitale, luogo di crescita e di promozione di alcuni aspetti ormai fondativi di ogni politica ambientale che si rispetti, a maggior ragione se promossa da una associazione storica dell’ambientalismo italiano, ma internazionale, come Amici della Terra, ed in particolare :
la promozione di una nuova cultura di rispetto e di cura per il mondo di cui siamo parte e per la diversità biologica che lo caratterizza;
una specificazione del valore della cultura dell’ambiente come elemento trasversale che crea e fa riconoscere legami tra le dimensioni della sostenibilità : economia, società ed ambiente.

 

Note dello spettacolo:

AMICI DELLA TERRA IRPINIA /ONLUS
Con
Associazione Culturale "CLAN H"
ed
Album Zootique

Presentano

SALVATORE MAZZA

in

"DELLA STESSA MATERIA DELLE STELLE"
testi di Luca Battista e Lucio Mazza

Musica live:
AlbumZootique
( Paolo Battista – Marco Preziuso)

Musiche:
Bertoli, Tenco, Beatles, Pfm, Album Zootique

Tecnici audio e luci:
Marco Saccone e Massimo De Feo

Durata:50 minuti


Una Butterfly House per l’Irpinia. Una proposta da Lepidoptera.

Inserito da: Amici della Terra Irpinia data 16 giugno 2011 AGGIUNGI COMMENTO

PROSP. CASA

Il 5 giugno ricorre la Giornata mondiale dedicata all’Ambiente, un anniversario che si celebra dal 1972, quando a Stoccolma si svolse il primo di una serie di grandi meeting internazionali sui problemi ambientali.
La Giornata è l’occasione per sensibilizzare con varie iniziative, l’opinione pubblica, i governi e le istituzioni ai temi chiave della salvaguardia dell’ambiente inteso come spazio naturale, habitat umano ed animale, oasi di vita, luogo di sviluppo e benessere.
La Casina del Principe di Avellino, da otto settimane, sta ospitando “Lepidoptera: nel mondo delle Farfalle” . L’apertura dell’ecomuseo si protrarrà fino al 19 giugno grazie alla garbata domanda dell’assessore alla cultura Gennaro Romei. I tantissimi visitatori, venuti anche da fuori provincia, hanno vissuto con modalità dirette ed emozionali, il significato della biodiversità, cogliendo la pienezza della molteplicità e della varietà della natura. Hanno partecipato alla applicazione di un metodo che promuove una nuova cultura di rispetto e di cura per il mondo e determina il valore della cultura dell’ambiente come elemento trasversale che crea e fa riconoscere legami tra le dimensioni economiche, sociali ed ambientali della sostenibilità.
L’Ecomuseo, altresì, non è soltanto dedicato a questo splendido e metamorfico insetto, ma contiene anche una sezione dove vengono illustrate due proposte per l’Irpinia che caratterizzano il contesto territoriale del Sistema Urbano di Avellino.
La prima riguarda la necessità di riprendere la discussione sulla effettiva delimitazione territoriale di un nuovo Parco Naturalistico Regionale, il Vallo Lauro Pizzo Alvano, istituito nel 2007 e che deve interessare anche il territorio di Avellino.
La seconda, può entrare a gran diritto nel riavviato dibattito sulle scelte strategiche relative alla pianificazione del Sistema Urbano di Avellino.
Un’area di notevole estensione, circa 75 ettari, il Bosco Materdomini di Aiello del Sabato, è ormai dal settembre 2007 riconosciuto come Parco Urbano di Interesse Regionale ai sensi della L.R. 17/2003.
Il Parco Urbano di Aiello favorisce la creazione di un polmone verde per il riequilibrio ecologico delle aree urbanizzate inserite nel contesto territoriale ad elevato impatto antropico di Avellino, Atripalda e Solofra.
Come ogni area protetta, in chiave di sostenibilità ambientale, può definirsi un volano per la tutela, la valorizzazione e lo sviluppo socio–economico del territorio.
Proprio in questa ottica, il luogo – nella parte di proprietà pubblica – è interessato da un programma approvato sin dal 2008, di strutture ed infrastrutture ad elevata compatibilità ambientale e funzionale alle valenze ecologiche e naturalistiche dell’area.
Un centro scout, piccoli alloggi per la ricettività stagionale, sentieri attrezzati ed a tema, sistemazioni delle sorgenti , aree attrezzate, sono le funzioni ormai in corso di realizzazione e che rappresentano a nostro avviso, solo la cornice alla funzione ed alla struttura più significativa, vero cuore del Parco, e lasciata per ora in standby:la Butterfly House.
La struttura, evocativa farfalla planata nel bosco di Aiello , è un centro di Educazione Ambientale; un edificio-serra destinato alla vita, catalogazione e musealizzazione delle farfalle , oltre che essere Parco Didattico tematico, specializzato in percorsi naturalistici caratterizzati da essenze floristiche nutrici per la rimmissione nell’habitat di popolazioni di farfalle locali tali da garantire l’entomofauna di riferimento.
Diversi sono i punti di forza dell'impianto di una Butterfly House nel sistema urbano di Avellino, unico esempio dall'Umbria alla Calabria, con un conseguente enorme potenziale target di visitatori interessati. Significativo potrebbe essere lo sviluppo di un indotto collegato alla struttura (ristorazione, attività ricettive, ma anche artigianato), con conseguenti benefici per l'occupazione.
Aiello e l'Irpinia , potrebbero attestarsi, come punto di riferimento per la comunità scientifica nazionale ed internazionale, Università e scuole, per I'osservazione, lo studio, l'approfondimento e la discussione delle tematiche correlate alla biodiversità, agli ecosistemi ed agli interessantissimi cicli di vita che al loro interno si sviluppano.
Inoltre,la Butterfly House diventa eccezionale mezzo per lo sviluppo di una "Economia Sostenibile" che possa essere attuata nei paesi d'origine delle specie di farfalle presenti nella serra. Con gli acquisti di crisalidi, bozzoli ed esemplari per la conservazione, infatti, si favoriscono le economie dei loro paesi d'origine, che troppo spesso non riescono a trarre beneficio dalle spettacolari e preziose risorse naturali presenti sui loro territori.
Infine, la posizione strategica della zona interessata dal progetto, non lontanissima dai grandi attrattori turistici della costa campana, ed ancor più vicina a siti di interesse religioso quali il Santuario di Montevergine, favorisce la possibilità di creare un "circuito turistico allargato".

Luca Battista

damedia new media agency

Amicidellaterrairpinia.it non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.
Gli autori dei post dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post stessi; eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilita' di persone terze non sono da attribuirsi agli autori.
Alcune delle immagini presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore puo' contattare gli autori per chiederne la rimozione.